Analisi
Thomson 14 anni fa - lunedì 28 aprile 2003

THOMSON

SETTORE: alta tecnologia
BORSA: Parigi
PREZZO: 12,58 EURO
RISCHIO: ****

Nel primo trimestre il fatturato di Thomson (TMS.PA) è diminuito del 23%, a causa principalmente del deprezzamento del dollaro (60% della sua produzione trova sbocco negli Usa). Senza effetti di cambio il calo si limita invece al 12% (contro il 10% atteso) ed è imputabile soprattutto alle fiacche vendite nell'elettronica di largo consumo e nei componenti (i distributori hanno smaltito nel primo trimestre le scorte accumulate per le feste natalizie), nonché alla concorrenza asiatica, che mette sotto pressione i prezzi. Tuttavia, forte dei nuovi contratti, il gruppo mantiene per il 2003 gli obiettivi di una crescita del 5% (senza effetti di cambio) per il fatturato e dello 0,5% per il margine operativo . Obiettivi ambiziosi, ma a nostro avviso la crescita della redditività dovrebbe essere favorita dalla strategia del gruppo che, oltre a puntare sulla riduzione dei costi, si orienta verso i settori elettronica di largo consumo di "alta gamma", attrezzature media per imprese, riproduzione di film, licenze. Queste attività, meno sensibili alla congiuntura, si sono comportate bene nel 1° trimestre e hanno rappresentato oltre l'80% del risultato industriale nel 2002.

Il calo del fatturato dovrebbe avere un effetto limitato sugli utili, visto che le attività più redditizie si sono difese bene. Stimiamo un utile per azione di 1,45 euro nel 2003 e di 1,64 euro nel 2004. Potete acquistare quest'azione correttamente valutata.

THOMSON (in euro)

Anche se il settore tecnologico resta in difficoltà, la buona strategia del gruppo fa ben sperare. Acquistare.

 

condividi questo articolo