Analisi
Datamat 14 anni fa - lunedì 23 giugno 2003

DATAMAT

SETTORE: alta tecnologia
BORSA: Milano
PREZZO: 3,97 EURO
RISCHIO: ***

Datamat chiude il primo trimestre 2003 con vendite in crescita del 6,3% sul corrispondente periodo 2002. Il settore Difesa Spazio e Ambiente (+33,3%) è quello che ha contribuito maggiormente, con il 40,5% dei ricavi totali. Minore, ma significativo, il contributo del ramo Banche e Finanza (26,3% delle vendite), che ha però subìto una flessione dell’11,1%. La crescita delle vendite ha portato a migliorare l’utile industriale, pari a 0,02 euro per azione contro una perdita di 0,09 euro nel 1° trimestre 2002. La perdita netta di 0,05 euro per azione, infine, è un terzo di quella registrata nel 1° trimestre 2002. Il miglioramento dei risultati dipende anche dal piano di ristrutturazione iniziato lo scorso esercizio, che ha permesso recuperi di efficienza e una razionalizzazione degli investimenti. Tra gli eventi più significativi di questa prima parte dell’anno l’acquisto del ramo wireless della società PLLB (operazione che permette a Datamat di rafforzarsi nel ramo telecomunicazioni) e l’appalto per alcuni progetti del Ministero della Giustizia.

Gli sforzi di ristrutturazione hanno dato i primi risultati, anche se inferiori alle nostre aspettative. Per fine anno stimiamo un risultato sostanzialmente in pareggio. Tuttavia, sono necessari ancora molti sforzi per tornare a risultati soddisfacenti. Titolo molto caro, non acquistare.

DATAMAT / NUOVO MERCATO 

 

Migliorano i conti di Datamat (grassetto; base 100), che però resta molto cara. Non acquistare.

 

condividi questo articolo