Analisi
Gucci 14 anni fa - martedì 17 giugno 2003

GUCCI

SETTORE: lusso
BORSA: Amsterdam
PREZZO: 82,80 euro
RISCHIO: **

Il 21 ottobre 2002 vi consigliammo di acquistare Gucci, numero tre mondiale del lusso, al prezzo di 89 dollari o 91,60 euro. Non che fossimo convinti della ripresa del settore, ma semplicemente perché il n°1 europeo della distribuzione specializzata, Pinault Printemps Redoute (PPR), si era impegnato ad acquistare i titoli Gucci al prezzo di 101,50 dollari tra il 22 marzo e il 30 aprile 2004. Ad oggi gli ultimi sviluppi sembrano darci ragione. Gucci ha deciso di pagare un «rendimento del capitale», cioè un dividendo straordinario, di 13,50 euro per azione, oltre al dividendo di 0,50 euro relativo all'esercizio 2002, a tutti i suoi azionisti, quindi anche a voi, se avete seguito il nostro consiglio. Ma non tutto oro quello che luccica! Il pagamento di questo dividendo straordinario, come effetto principale, permetterà a PPR di ridurre il carico finanziario legato all'acquisto di Gucci. Con il 63,72% del capitale di Gucci già in suo possesso, PPR dovrebbe, infatti, incassare tra gli 850 e i 940 milioni d'euro, nell'ipotesi in cui PPR dovesse elevare al 70% la sua quota in Gucci prima del pagamento di questo dividendo straordinario, previsto il 2 ottobre prossimo. Inoltre questi 13,50 euro non saranno offerti «gratuitamente» agli azionisti di minoranza, ma saranno detratti dai 101,50 dollari che PPR si è impegnata a pagare nel marzo 2004 per ogni azione Gucci. Grosso modo, il prezzo che PPR dovrà pagare realmente scende a 85 dollari per azione, portando il costo totale dell'operazione a circa tre miliardi d'euro, importo di cui PPR potrà facilmente usufruire, grazie alle ultime cessioni. Concludendo, per gli azionisti di minoranza si tratta più di un anticipo sul pagamento previsto nel 2004 che un di vero regalo.

Il pagamento di questo superdividendo, che deve ancora essere approvato dall'assemblea degli azionisti del prossimo 16 luglio, non fa che accrescere la probabilità dell'acquisto delle azioni Gucci, da parte di PPR, entro il marzo 2004. MANTENETE Gucci.

ANDAMENTO DI GUCCI IN EURO

 

condividi questo articolo