Analisi
I.Net 14 anni fa - venerdì 6 giugno 2003

I.NET

SETTORE: alta tecnologia
BORSA: Milano
PREZZO: 44,50 EURO
RISCHIO: ****

I.net ha pubblicato i dati di bilancio relativi all’esercizio di tre mesi chiuso a fine marzo. I.net, al fine di favorire l’integrazione con l’azionista di maggioranza BT Group, aveva infatti deciso il cambio dell’esercizio sociale spostandone il termine da dicembre a marzo; da qui la necessità di un esercizio transitorio di tre mesi. In un contesto economico caratterizzato da grandi incertezze, I.net ha visto un calo dei ricavi del 13,9% rispetto al primo trimestre 2002. Il motivo è da ricercare in una domanda debole e in una forte pressione competitiva, che hanno determinato la rinegoziazione al ribasso di alcuni contratti già in essere (soprattutto nelle componenti hardware) e la compressione dei prezzi. Negativo anche il risultato industriale, con una perdita di 0,49 euro per azione (0,03 euro per azione nel primo trimestre 2002). In perdita infine il risultato netto (0,46 euro per azione), contro un utile di 0,07 euro per azione a marzo 2002. Non sono quindi bastati i tagli dei costi di produzione (-10,3%), operati nei trimestri precedenti.

I.net, nonostante gli sforzi, non riesce a superare la crisi in cui si trova. Sicuramente non aiuta la situazione economica generale, che rimane molto delicata, né le difficoltà, attuali e prospettiche, del settore in cui il gruppo opera. Consigliamo quindi di non acquistare questo titolo caro, ma chi lo avesse già in portafoglio può mantenerlo in attesa dei segni di ripresa dagli investimenti in tecnologia.

I.NET / NUOVO MERCATO

Nell’ultimo anno, I.net (grassetto; base 100) stabile e in linea con il Numtel. Titolo caro, mantenere.

condividi questo articolo