Analisi
Bnl 14 anni fa - lunedì 22 settembre 2003

BNL

SETTORE: finanziario
BORSA: Milano
PREZZO: 1,81 EURO
RISCHIO: **

Bnl chiude i primi sei mesi 2003 con un utile di 0,046 euro per azione, quasi quadruplicato rispetto allo stesso periodo 2002 nonostante costi straordinari (0,03 euro per azione) legati agli incentivi all’esodo del personale. I ricavi crescono del 3,9% grazie ai servizi (+18,3%) che compensano i ricavi da interesse (-3,9%). Il lieve calo dei costi (-0,8%) ha poi permesso una crescita del 5,7% dell’utile ordinario. Altro aspetto positivo è l’aumento della raccolta di capitali presso la clientela, che permette di limitare quella (più onerosa) presso altre banche. Rimangono però dei punti di debolezza nel gruppo, in particolare per la qualità dei crediti e la patrimonializzazione. Su questi fronti, Bnl rimane al di sotto della media di settore nonostante qualche miglioramento nel semestre. Dal punto di vista strategico, il gruppo proseguirà con i tagli al personale e la riduzione della presenza all’estero: dopo le chiusure a Singapore, Francoforte, Parigi e Tokio, il gruppo sta trattando l’uscita da Brasile e Uruguay. Rimane invece presente in Argentina, ma l’esposizione verso questo Paese è già stata azzerata.

Risultati positivi ma in linea con le nostre attese: confermiamo perciò le stime sull’utile 2003 e 2004 (rispettivamente 0,14 e 0,16 euro per azione). Titolo correttamente valutato, mantenere.

BNL / BANCHE 

 

Risultati positivi per Bnl (grassetto; base 100) che nel frattempo riduce la presenza all’estero. Mantenere.

 

condividi questo articolo