Analisi
SanPaolo IMI 14 anni fa - lunedì 29 settembre 2003

SANPAOLO IMI

SETTORE: finanziario
BORSA: Milano
PREZZO: 8,66 EURO
RISCHIO: **

Inferiore alle nostre attese l’utile semestrale di SanPaolo IMI, pari a 0,24 euro per azione (-26,9% rispetto allo stesso periodo 2002). Il calo è però dovuto a elementi straordinari, l’accantonamento al "fondo esuberi" (0,15 euro per azione) che permetterà di ridurre il personale e i costi operativi nei prossimi semestri. Bene invece la gestione ordinaria, con un aumento dell’1,6% nei ricavi. Grazie anche al controllo dei costi, l’utile ordinario cresce del 4,3% mentre il rapporto costi/ricavi scende dal 62,6% al 61,9%. Dati positivi emergono anche dai volumi di attività, con una crescita del 4,8% nei prestiti alla clientela. Nel complesso, i risultati sono in linea con il piano di crescita del gruppo, che ha quindi confermato gli obiettivi 2005 del piano triennale. Il gruppo intende inoltre compensare gli oneri straordinari del fondo esuberi con i ricavi straordinari delle cessioni di partecipazioni (Banque Sanpaolo e Finconsumo) già definite contrattualmente ma contabilizzate solo nel 2° semestre. È inoltre allo studio uno scorporo immobiliare: è previsto per fine anno e sono già stati individuati due possibili acquirenti.

Riduciamo leggermente l’utile previsto per il 2003 (0,55 euro per azione) per tener conto degli accantonamenti, ma lasciamo invariate le stime 2004 (utile di 0,75 euro per azione). Il giudizio sul gruppo rimane positivo, e lo sforzo compiuto nel semestre contribuirà a migliorare i conti futuri. Correttamente valutata, acquistare.

SANPAOLO IMI / BANCHE

Sul semestre del gruppo (grassetto; base 100) pesano i costi straordinari, ma migliora l’operatività. Acquistare.

 

condividi questo articolo