Analisi
In Borsa i farmaci per le piante 13 anni fa - lunedì 27 ottobre 2003

IN BORSA I FARMACI PER LE PIANTE

· Si quota in Borsa mediante Opvs – offerta pubblica di vendita e sottoscrizione, cioè collocando azioni nuove e vendendone di vecchie – Isagro Spa, società attiva nello sviluppo e nella produzione di prodotti per la protezione delle piante, cosiddetti agrofarmaci, tra cui funghicidi, insetticidi e erbicidi. Isagro è nata nel 1992 da uno scorporo di Enichem Agricoltura.

· La forchetta di prezzo a cui il titolo verrà collocato al pubblico è compresa tra 4 e 5 euro per azione e il quantitativo minimo acquistabile è di 600 azioni. Il periodo in cui è possibile aderire va dal 27 al 30 ottobre compresi, mentre la fissazione del prezzo definitivo avverrà il 1° novembre. Il titolo sarà negoziato in Borsa a partire dal 5 novembre.

· Il gruppo Isagro conta circa 760 dipendenti e 5 stabilimenti, di cui 4 in Italia e uno in India.

Il fatturato nel 2002 è cresciuto del 55,8% rispetto al 2001, in seguito a delle acquisizioni, mentre l’utile netto è quasi quadruplicato grazie ai proventi straordinari dovuti alla plusvalenza derivante dalla cessione alla giapponese Sumitomo Chemicals del 50% della controllata Isagro Italia Srl.

· Isagro prevede per il 2003 un fatturato in crescita del 4% –  ma quello del primo semestre è stato assai inferiore (-14%) rispetto al 2002 – e un utile al netto degli elementi straordinari in crescita, ma in diminuzione se si tiene conto degli straordinari.

· Noi stimiamo una crescita del fatturato del 2% per l’anno in corso, un po’ inferiore a quella dichiarata dalla società. Stimiamo poi un utile per azione di 0,22 euro per il 2003 e di 0,33 euro per il 2004. Stando ai nostri calcoli, il titolo risulta correttamente valutato nella parte bassa dell’intervallo di prezzo indicato, ma risulta piuttosto caro nella parte alta. Considerati inoltre una serie di rischi connessi al settore in cui Isagro opera e l’alto livello di indebitamento della società, il nostro consiglio è di non aderire.

 

condividi questo articolo