Analisi
ASML 13 anni fa - martedì 30 dicembre 2003

ASML

 

SETTORE: semiconduttori
BORSA:    Amsterdam
PREZZO:  15,65 euro
RICHIO:   ****

 

Contrariamente a quanto ci aveva fatto intendere la direzione di ASML al momento della pubblicazione dei risultati del terzo trimestre 2003, il portafoglio ordini alla fine dell'anno sarà più voluminoso di quello di fine settembre che ricordiamo, era di 91 macchine.

Quindi, il produttore, olandese, di macchine destinate all'industria dei semiconduttori ha ricevuto più ordini del previsto, prova supplementare della ripresa in atto nel settore dei chip. Una crescita che si spiega con l'aumento della domanda di computer e telefoni mobili, dopo due anni di stagnazione.

La società sta quindi andando bene e questa notizia non può che confermare la tendenza positiva.

Considerato che il livello del portafoglio ordini è un buon indicatore dell'evoluzione futura delle vendite e degli utili, il mercato ha immediatamente rialzato le previsioni sugli utili 2004. La nostra previsione sull'utile per azione passa da 0,20 a 0,28 euro.

Inoltre, la società continua ad essere superiore, sul piano tecnologico, della concorrenza e ha recentemente ricevuto un ordinativo da TSMC, primo subappaltatore mondiale nella fabbricazione di semiconduttori, per uno strumento litografico del tipo «ad immersione». Questa tecnologia, innovativa e promettente, di fabbricazione dei chip permette di disegnare circuiti ancora più fine, sulle barrette di silicio. ASML è la prima ad utilizzarla, rimandando i suoi concorrenti (Nikon, Canon) sui banchi di scuola.

 

ASML ci sembra idealmente posizionata per approfittare dell'attuale boom del settore dei semiconduttori. La sua leadership tecnologica, unita al ben fornito portafoglio ordini costituiscono degli assi nella manica che dovrebbero consolidare la fiducia degli investitori, permettendo il ritorno agli utili per l'anno prossimo. L'unica nostra riserva è legata alle prospettive di crescita che sono già largamente comprese nel prezzo del titolo. MANTENERE.

 

ANDAMENTO DI ASML IN EURO

 

 

condividi questo articolo