Analisi
Advanced Neuromodulation 13 anni fa - martedì 18 maggio 2004

ADVANCED NEUROMODULATION

 

SETTORE: equipaggiamenti medici

BORSA:    Nasdaq
PREZZO:  28,39 dollari
RISCHIO:  ****

 

Nonostante i risultati trimestrali siano stati in linea con le attese del mercato, Advanced Neuromodulation (ANSI), specialista americano del dolore cronico, ha visto il suo prezzo affondare nelle scorse settimane. Le cause ? L’arrivo di un nuovo concorrente sul mercato della stimolazione del midollo spinale, suomercato di riferimento. Infatti, Lo scorso 28 aprile la società americana Advanced Bionics (AB) ha ricevuto l’autorizzazione alla commercializzazione del suo primo stimolatore di midollo spinale impiantabile. Contrariamente ai prodotti di ANSI e del suo principale concorrente Medtronic, questo prodotto presenta l’ulteriore vantaggio di essere il primo stimolatore ricaricabile ad essere immesso sul mercato. Sino ad oggi, quando un paziente aveva bisogno di una stimolazione elettrica importante, era preferibile che usasse un apparecchio esterno (a radiofrequenza) piuttosto che un apparecchio totalmente impiantabile, le cui batterie hanno una durata più ridotta. Gli inconvenienti degli apparecchi a radiofrequenza sono il loro ingombro e il loro inestetismo. L’arrivo di un apparecchio impiantabile e ricaricabile potrebbe quindi significare la fine degli apparecchi a radiofrequenza che costituiscono ancora oggi il 37% delle vendite di ANSI. Dal suo canto, anche ANSI ha sviluppato un apparecchio ricaricabile, ma non ha ancora ricevuto l’autorizzazione alla messa in commercio e quindi non dovrebbe andare sul mercato prima del 2005. Cosa concludiamo? Prima di tutto, ANSI ha fatto causa ad AB per violazione di brevetto, cosa che dovrebbe ritardare se non impedire la commercializzazione del prodotto che, in ogni caso, non è prevista prima del 3e trimestre. Inoltre, anche se AB dispone certamente di prodotti di migliore qualità, non dispone sicuramente né della stessa forza commerciale né della stessa notorietà di ANSI, cosa che, a breve termine, dovrebbe limitare l’impatto sulle vendite.

La reazione del mercato ci è parsa esagerata e offre, secondo noi, la possibilità di acquistare il titolo, tenendo tuttavia conto che il possibile riavvicinamento tra AB e un attore di taglia ben più significativa potrebbe cambiare il problema. ACQUISTARE.

 

ANDAMENTO DI ANSI IN DOLLARI

 

condividi questo articolo