Analisi
Pinault Printemps Redoute 13 anni fa - venerdì 28 maggio 2004

PINAULT PRINTEMPS REDOUTE

 

SETTORE: distribuzione
BORSA:    Parigi
PREZZO:  85,05 EURO
RISCHIO:  ***

 

Il fatturato della divisione distribuzione di largo consumo di Pinault-Printemps-Redoute (PPR; PRTP.PA) è cresciuto del 5% nei primi 4 mesi 2004. Fnac (libri, CD, informatica) e Conforama (articoli per la casa) sono i marchi che si sono comportati meglio, mentre sono in leggero calo moda e abbigliamento (Printemps) e vendita per corrispondenza (Redcats). Rexel (distribuzione di materiali elettrici per professionisti) ha continuato ad aumentare le vendite e anche la divisione lusso ha brillato, con il fatturato di Yves Saint Laurent in crescita di oltre il 15% e quello di Gucci di oltre il 10%. PPR lancerà presto un’offerta sulle rimanenti azioni Gucci (ne detiene già il 99,4%), ma bisognerà vedere se i nuovi vertici sapranno ottenere gli stessi successi dei loro predecessori. In futuro il gruppo intende cambiare immagine (ed eventualmente anche nome) rifocalizzandosi sulla distribuzione di largo consumo (magazzini e vendita per corrispondenza) e sul lusso (produzione e vendita). In quest’ottica, è prevista la vendita di Rexel nel corso del 2004.

Stimiamo un utile per azione di 5,62 euro nel 2004 (contro i 4,75 euro del 2003) e di 5,93 euro nel 2005. L’azione, che è cara, tiene però già conto delle buone prospettive. Non acquistare.

 

PPR (in euro)

 

 

Il nuovo orientamento strategico sembra sostenere la ripresa del titolo, che però è caro. Non acquistare.

 

condividi questo articolo