Analisi
Edison 13 anni fa - lunedì 7 giugno 2004

EDISON

SETTORE: energia e servizi
BORSA: Milano
PREZZO: 1,38 EURO
RISCHIO: ***

Edison ha raggiunto un accordo per acquistare il 25% di Ise, società elettrica di Taranto. Questa operazione non influenza i conti di Edison in maniera determinante, ma ha dato occasione al management di ribadire che non ci sono allo studio fusioni societarie di dimensioni tali da modificare l’azionariato, contrariamente alle voci circolate. Prosegue invece la riorganizzazione, con la fusione in Edison di alcune società interamente controllate: Bussi Termoelettrica, Caffaro Energia, Savim, Sogetel e Vega Oil. Nel frattempo, Edison chiude il 1° trimestre con un fatturato in calo del 6% sullo stesso periodo 2003 a causa delle cessioni. Considerando solo il settore energia (88% del fatturato) i ricavi crescono dello 0,5%. L’utile industriale sale del 5,6% grazie ai maggiori margini sulle vendite di energia elettrica e alla riduzione dei costi di struttura e del lavoro. L’utile netto è di 0,006 euro per azione, mentre il 1° trimestre 2003 si era chiuso in perdita. In calo gli interessi, grazie alla riduzione dei debiti (cessione di società non strategiche). Edison sta anche attuando un piano di ristrutturazione del debito per ridurne ulteriormente il costo.

Le focalizzazione sull’energia sta dando risultati. Stimiamo un utile per azione di 0,03 euro nel 2004 e 0,04 euro nel 2005. Restano però le incertezze sul futuro azionariato. Titolo caro, mantenere.

EDISON / BORSA 

Edison (grassetto; base 100) è caro ma si sta sempre più focalizzando sul settore energia. Mantenere.

 

condividi questo articolo