Analisi
Topcall 13 anni fa - lunedì 26 luglio 2004

TOPCALL

 

SETTORE: messaggeria integrata
BORSA:    Vienna
PREZZO:  3,02 euro
RISCHIO:  ****

 

Il secondo trimestre dovrà essere dimenticato il più in fretta possibile dal fornitore di soluzioni per la messaggeria integrata Topcall! Il gruppo austriaco, non solo ha dovuto lottare contro l’OPA ostile lanciata da Brain Force Software, ma ha anche pubblicato risultati deludenti, con un fatturato in calo, rispetto al secondo trimestre 2003, dell’ 8% a 7 milioni di euro. Inoltre anche la vendita di nuovi sistemi di messaggeria è deludente (-31%). Se la divisone «servizi» ha permesso alla società di raddrizzare parzialmente la rotta, ha comunque messo a segno una perdita prima delle imposte di 205.000 euro, rispetto ad un utile di 683.000 euro, l’anno precedente. Anche se la seconda parte dell’anno dovrebbe essere più redditizia della prima, Topcall ha comunque dovuto rivedere al ribasso le previsioni per l’insieme dell’esercizio. La società spera, almeno, di ottenere gli stessi risultati di una anno fa, che erano stati pari ad un utile netto di 0,12 euro per azione. A sua difesa, la dirigenza cita l’OPA ostile lanciata da Brain Force che avrebbe seminato dubbi sia tra i clienti che tra i dipendenti. Dobbiamo tuttavia constatare che la diminuzione del fatturato era iniziata prima dell’entrata in scena di Brain Force. La vera ragione deve quindi essere cercata altrove e risiede soprattutto, secondo noi, nell’indebolimento della sua posizione concorrenziale. Per rafforzarla, Topcall cerca di concludere accordi strategici (leggasi acquisizioni) che potrebbero permetterle di allargare la sua offerta per meglio rispondere ai bisogni della sua clientela. Un’opzione abbastanza praticabile, se consideriamo che la sua posizione finanziaria è solida.

 

I risultati deludenti ci spingono ad abbassare le nostre previsioni sugli utili 2004 da 0,14 a 0,12 euro per azione. MANTENERE.

 

ANDAMENTO DI TOPCALL IN EURO

 

 

condividi questo articolo