Analisi
Alitalia brilla e fibrilla 13 anni fa - lunedì 20 settembre 2004

ALITALIA BRILLA E FIBRILLA

C’è da sperare qualche cosa di buono dalla sgroppata messa a segno da Alitalia la settimana passata? Secondo noi è solo euforia...

Lo scorso 15 settembre Alitalia ha toccato quota 30 centesimi (vedi grafico), dopo mesi in cui aveva vivacchiato a livelli inferiori e con una tendenza al calo – il minimo di 19 centesimi è di poche settimane fa. Così i mercati hanno salutato la novità degli accordi sindacali – vedi pagine sulle azioni. Ma la situazione non consente secondo noi veri margini di speculazione. Ecco qualche considerazione (oltre al giudizio che trovate nelle pagine azioni).

 ALITALIA (in euro) BALLA LA TARANTELLA

Ma non è ancora detto che il suo futuro sia brillante. Alla larga!

Un confronto con gli altri "big"

· Alitalia per fatturato è quasi un quarto della tedesca Lufthansa, i 2/5 dell’inglese British Airways e della francese Air France, i 2/3 della scandinava Sas. In pratica è grande come la spagnola Iberia.

· Quest’ultima è interessante per un confronto con Alitalia perché, pur con simili dimensioni, è riuscita ad avere una struttura di costi tale per cui è una delle poche compagnie aeree in utile (e nel 2003 ha avuto un profitto in percentuale sul fatturato maggiore delle altre società in tabella) e perché condivide con la linea aerea austriaca il rapporto prezzo utili (seppur indicativo visto che è un dato 2003) più interessante. Il mercato si n’è accorto e, infatti, pur trasportando Iberia più o meno gli stessi passeggeri di Alitalia, ha un valore in Borsa di circa 2,1 miliardi di euro, gli 8/5 di quello di Alitalia, fermo a circa 1,1 miliardi.

ALCUNE COMPAGNIE AEREE EUROPEE SOTTO LA LENTE

Nome compagnia

Rapporto prezzo/ utili

Fatturato

Utili in % su fatturato

Capitaliz-zazione

Lufthansa

n. d.

369

-6,2%

389

Air France

39

286

+0,8%

307

British Airways

18

256

+1,7%

291

Sas

n. d.

146

-2,5%

92

Iberia

15

102

+3,3%

180

Alitalia

n. d.

100

-12%

100

Swiss Internat.

n. d.

60

-17,1%

24

Austrian Airlin.

8

47

+2,3%

30

NB: n.d. non disponibile. Il rapporto prezzo/utili è calcolato in base agli utili 2003. Il fatturato e la capitalizzazione sono rispetto a quello di Alitalia considerato uguale a 100.

· La domanda a cui dobbiam rispondere è: un valore per Alitalia uguale ai 5/8 di Iberia è tanto o è poco?

· Diciamo che in teoria, se Alitalia producesse in futuro utili quanto Iberia, dovrebbe avere alla lunga lo stesso valore. Perché ciò accada, però, sarebbe necessario che gli utili di Alitalia raggiungessero il 3% del fatturato. Scordiamoci che ciò accada prima del 2006! Il piano industriale dice che nel 2006 ci sarà al massimo il pareggio e che il rilancio avverrà nel 2008.

· Ipotizziamo allora che Alitalia raggiunga l’efficienza di Iberia in termini di utili proprio nel 2008. Ebbene, gli utili che Alitalia avrà prodotto tra il 2007 e il 2012 serviranno solo a ripianare le perdite prodotte da oggi al 2006. Ma nel frattempo Iberia, se mantiene il ritmo attuale, avrà messo da parte, contando anche l’inflazione, utili per un po’ meno di un miliardo e mezzo di euro attuali. Tale differenza spiega ben più dell’attuale differenza di un miliardo di euro tra la capitalizzazione di Alitalia e quella di Iberia. Anzi, ci dice che il valore di Alitalia dovrebbe tendere ancora a calare. Quindi, ancora una volta: state alla larga!

 

condividi questo articolo