Analisi
Intel 13 anni fa - lunedì 18 ottobre 2004

INTEL

SETTORE: alta tecnologia
BORSA: Nasdaq
PREZZO: 20,61 USD; 16,51 EURO
RISCHIO: ***

I risultati del 3° trimestre di Intel (INTC.O) hanno tranquillizzato i mercati. Le scorte, sebbene elevate, sono infatti diminuite rispetto al trimestre precedente, quando la produzione aveva nettamente superato la domanda. L’utile per azione (+20%) è in linea con le attese: la crescita del fatturato (+8%) superiore alle attese ha infatti compensato una redditività un po’ inferiore al previsto. Sul piano geografico l’Asia (+23%) ha trainato i risultati, mentre a livello di attività i portatili e i server per imprese hanno compensato la debolezza nei PC. Tuttavia non tutti i problemi sono risolti e anche il management ha stabilito obiettivi relativamente modesti per il 4° trimestre, in genere il più significativo. Nell’attività chip per comunicazioni, destinata a rilanciare la crescita, Intel spera in un pareggio nel 2005, ma vista la forte concorrenza non è detto che ci riesca. A lungo termine il gruppo conta sui consistenti fondi per la ricerca e sviluppo: solo prodotti innovativi e redditizi potranno infatti garantirgli il futuro.

Manteniamo le stime sull’utile per azione a 1,16 dollari nel 2004 e 1,25 dollari nel 2005. Le scorte si dovrebbero riassorbire e, sebbene la situazione del settore sia più difficile che in passato, Intel è ben attrezzata per rispondere alle crescenti sfide. Titolo correttamente valutato, acquistare.

INTEL (in dollari) 

 

Il livello elevato delle scorte pesa sul titolo, ma dovrebbe gradualmente riassorbirsi. Potete acquistare.

 

condividi questo articolo