Analisi
In breve 13 anni fa - lunedì 27 dicembre 2004

IN BREVE

· Bnl (+3,3%) continua a far parlare di sé: il contropatto ha ora il 26,7% del capitale, contro il 28,4% del patto. In caso di nomina di un nuovo consiglio di amministrazione, questo comporterebbe una situazione di stallo. Il titolo è salito sull’onda delle speculazioni, ma è caro. Non acquistare.

· È entrata nel vivo la partita per il futuro di Edison (+1,9%, mantenere). Edf, monopolista dell’elettricità in Francia, ha richiesto un arbitrato sulla validità delle clausole put e call che potrebbero costringerla a lanciare un’Opa totalitaria su Edison. I governi italiano e francese sono direttamente coinvolti nelle trattative, visto che è in gioco l’effettiva liberalizzazione dei mercati elettrici dei due Paesi.

· Sulla questione Edison anche Enel (+0,8%, acquistare) sta alla finestra, visto il suo dichiarato interesse a entrare nel mercato d’Oltralpe. Intanto ha acquistato Ipse, operatore telefonico titolare di frequenze Umts, e entro primavera comincerà le valutazioni finalizzate alla quotazione in Borsa della controllata Wind.

· L’Espresso (+3,8%) è entrato nel settore televisivo con l’acquisto dell’emittente nazionale Rete A. Il titolo resta caro, non acquistare.

· Marzotto (-0,3%) sta valutando se separare le attività dell’abbigliamento da quelle tessili, per poi quotare in Borsa la nuova società che verrebbe scissa. Non acquistare.

· Nokia (+4,9%) conferma le sue previsioni di crescita del 10% del mercato dei cellulari nel 2005. Questo non dovrebbe attenuare la guerra dei prezzi nel settore. Non acquistare.

· Problemi al fegato per due pazienti che facevano uso del farmaco Strattera di Eli Lilly (+2,2%). Ciò potrebbe rallentare lo sviluppo di questo farmaco. Inoltre, i costi di ristrutturazione sono stati rivisti al rialzo. Abbassiamo le nostre stime sugli utili della società, ma l’azione resta conveniente. Acquistare.

· Solvay (+6,9%) ha lanciato un’offerta d’acquisto amichevole su una nascente società farmaceutica svedese, per mettere le mani sul suo trattamento al morbo di Parkinson. Prospettive positive, ma il prezzo dell’azione ne tiene già conto. Mantenere.

 

condividi questo articolo