Analisi
Pirelli & C. 13 anni fa - lunedì 13 dicembre 2004

PIRELLI & C.

SETTORE: industrie e servizi vari
BORSA: Milano
PREZZO: 0,95 EURO
RISCHIO: ***

La prospettata fusione tra Telecom Italia (TI), controllata da Pirelli tramite la holding Olimpia, e Tim, contribuirà a semplificare la struttura di Pirelli. Per finanziare questa costosa operazione TI aumenterà l’indebitamento e emetterà nuove azioni. Olimpia lancerà a sua volta un aumento di capitale per acquistare azioni TI, così da mantenere il suo potere sull’operatore. Olimpia potrà così raccogliere da TI dividendi ancora più elevati, rimborsare meglio il suo debito e distribuire dividendi più generosi a Pirelli. Il che farà aumentare il valore della partecipazione di Pirelli che, in cima alla piramide, lancerà a sua volta un aumento di capitale per mantenere il controllo su Olimpia. L’operazione però ci lascia perplessi: le prospettive di TI/Tim sono poco incoraggianti e continueranno secondo noi a frenare Pirelli. Da segnalare poi che Pirelli continua le trattative per vendere delle attività dalle prospettive limitate (cavi per telecom e cavi per l’energia), i cui introiti potrebbero venir investiti nei pneumatici (attività in crescita), in Pirelli Real Estate (la promettente controllata immobiliare) o nelle telecom.

Da gruppo industriale Pirelli si sta trasformando in una holding, ma manca di una vera strategia. L’aumento di capitale avrà luogo dal 7 al 25 febbraio 2005: 5 azioni detenute daranno diritto a 2 nuove azioni. Nell’attesa dei dettagli, mantenete quest’azione correttamente valutata.

PIRELLI & C. (in euro) 

 

Le voci sull’evoluzione della struttura del gruppo hanno fatto salire il titolo. Mantenere, ma non acquistare.

 

condividi questo articolo