Analisi
BP 13 anni fa - lunedì 14 febbraio 2005

BP

SETTORE: energia e servizi
BORSA: Londra
PREZZO: 555 pence; 8,04 EURO
RISCHIO: ***

Come nelle attese, nel 4° trimestre 2004 BP (BP.L) ha realizzato un utile per azione di 6,3 pence. Un risultato in crescita del 20%, nonostante un costo straordinario di 2,7 pence per azione dovuto alla svalutazione delle attività petrolchimiche (che dovrebbero essere quotate nel 2° semestre 2005). Nell’esplorazione/produzione BP beneficia dei prezzi elevati degli idrocarburi e di un forte aumento della produzione (+11% nel 2004) grazie soprattutto al contributo della russa TNK-BP. Il gruppo, con un obiettivo di crescita della produzione del 5% medio nel 2004-08 e un elevato tasso di rinnovo delle riserve (pur in lieve calo rispetto al 2003), detiene una posizione di forza nella produzione. Anche nella raffinazione, distribuzione e petrolchimica i suoi risultati sono in netto miglioramento. BP ha potuto così aumentare del 23% il dividendo per il 4° trimestre, che la allontana anche dalla tentazione di investimenti imprudenti in attesa di integrare quelli in Russia.

Stimiamo un utile per azione di 42,5 pence nel 2005 (36,8 pence l’utile corrente per azione nel 2004). BP raccoglie i frutti di una strategia ambiziosa e ricompensa gli azionisti con dividendi elevati e acquisti di azioni. Gli investimenti in Russia, pur aumentando il suo livello di rischio, portano un importante vantaggio concorrenziale. Conveniente, acquistare.

BP (in pence) 

 

Grazie ai suoi punti di forza BP dovrebbe proseguire la risalita del 2004. Acquistare.

 

condividi questo articolo