Analisi
Tiscali perde pezzi 13 anni fa - lunedì 7 febbraio 2005

TISCALI PERDE PEZZI

Perché Tiscali continua a cedere attività estere ai concorrenti? Non rischia così di rimpicciolirsi troppo? Inoltre, ho letto che Telecom Italia sarebbe interessata ad acquisire l’intera società: è vero?

 

Alla ricerca di liquidità

· Tiscali (2,585 euro) ha in effetti ceduto negli ultimi mesi diverse controllate estere, uscendo da Paesi quali Svezia, Norvegia, Austria, Svizzera Sud Africa, Belgio e, settimana scorsa, Danimarca. Dalle cessioni ha ricavato nel complesso 121 milioni di euro.

· Inoltre, negli ultimi giorni del 2004 la società francese Société Generale aveva sottoscritto un aumento di capitale, derivante dall’emissione di nuove azioni Tiscali, per 50 milioni di euro. Société Generale ha già rivenduto sul mercato quelle azioni, quindi non si è trattato di un investimento di lungo periodo, ma piuttosto di un mordi e fuggi. Nel complesso, comunque, i fondi affluiti nella casse della società sarda, tra cessioni e aumento di capitale, sono pari a 171 milioni di euro.

· Tanti, ma non abbastanza per coprire il fabbisogno finanziario della società, che a luglio dovrà rimborsare un’obbligazione per 250 milioni di euro. Per ripagare i bond mancherebbero altri 79 milioni.

· Per questo Tiscali dovrebbe vendere a breve anche le attività spagnole, quelle in Repubblica Ceca e Tiscali International Network, alla quale sarebbe interessata anche Telecom Italia.

 

Società più magra, fa gola

· Quindi, anche se il rimborso del bond non desta più preoccupazioni, è chiaro che le ambizioni della società, dopo tutte queste cessioni, risultano ridotte. Tiscali dovrebbe tuttavia mantenere le attività nei Paesi considerati strategici, quelli da cui derivano la maggior parte dei ricavi, cioè Italia, Germania, Francia, Regno Unito e Olanda. Il condizionale è d’obbligo, visti i continui rumor sulla cessione di Tiscali Francia e addirittura quelli che circolano sul cambio dell’azionariato all’intero gruppo, preda potenzialmente appetibile per i giganti europei della telefonia. Lei ci chiede se Telecom Italia è interessata: a noi non risulta nulla, ma tutto è possibile.

· Noi dal canto nostro sconsigliamo di acquistare azioni Tiscali che – si veda il grafico – hanno risentito delle tensioni finanziarie e che, secondo i nostri calcoli, sono molto care.

 

TISCALI NON NAVIGA VELOCE COME L’ADSL

Il titolo della società sarda (linea in grassetto, base 100) nell’ultimo anno ha fatto molto peggio di Piazza Affari (linea sottile), risentendo della difficile situazione finanziaria con conseguente cessione di diverse controllate estere. Non acquistate.

 

condividi questo articolo