Analisi
Zapf Creation 13 anni fa - martedì 22 febbraio 2005

ZAPF CREATION

 

SETTORE: giocattoli
BORSA:    Francoforte
PREZZO:  13,50 euro
RISCHIO:  *****

 

La situazione sembra andare di male in peggio per il fabbricante tedesco di bambole. Zapf Creation, che aveva già abbassato svariate volte le previsioni sulla crescita 2004, ha annunciato risultati provvisori nettamente inferiori alle sue ultime previsioni. Il fatturato di 174 milioni di euro può apparire in linea con quanto previsto (175 milioni di euro), mentre gli utili sono ben lontani da quanto atteso. La costante diminuzione delle vendite negli ultimi due anni (- 10% nel 2003 e –14% nel 2004) ha gonfiato  magazzini che sarà difficile svuotare. Risultato: Zapf è stata costretta a contabilizzare nel 4e trimestre costi supplementari per la svalutazione del magazzino. E alla fine l’utile operativo del 2004 dovrebbe essere di soli 8 milioni di euro, cioè il 43% in meno dei 14 milioni di euro previsti.

Pur riconoscendo la necessità di queste misure, non possiamo che dispiacerci della decisione, presa dal management di Zapf, di non tener conto della svalutazione delle scorte nelle previsioni pubblicate lo scorso 22 dicembre, data in cui difficilmente si poteva ignorare una situazione di questo tipo. Benché Zapf non abbia ancora comunicato gli utili 2004, secondo noi dovrebbero essere non meno del 50% inferiori alle nostre previsioni precedenti, che erano di 1 euro per azione. A queste condizioni la dirigenza ha già annunciato di non essere in grado di confermare il dividendo di 1 euro per azione come comunicato lo scorso dicembre. Una riunione straordinaria del consiglio di amministrazione si dovrebbe tenere nei prossimi giorni, al fine di regolare la questione del dividendo e, soprattutto per prendere le misure necessarie al futuro della società.

Nell’attesa di conoscere le misure prese dal consiglio di amministrazione, vi consigliamo di adottare una tattica prudenziale. MANTENETE, ma NON ACQUISTATE PIÙ.

 

ANDAMENTO DI ZAPF CREATION IN EURO

 

 

 

 

condividi questo articolo