Analisi
Mabuchi Motor 12 anni fa - martedì 8 marzo 2005

MABUCHI MOTOR

 

SETTORE: motori elettrici
BORSA:    Tokyo
PREZZO:  6550 yen
RISCHIO:  ***

 

Fra la sorpresa generale, il n°1 mondiale dei piccoli motori elettrici Mabuchi non ha raggiunto gli obiettivi per il 2004. Se il fatturato, pari a 99,3 miliardi di yen, è più o meno in linea con le previsioni (100,5), l’utile netto di 13,3 miliardi di yen è nettamente inferiore alle anticipazioni del management (15,8). Il 4e trimestre è stato particolarmente deludente, poiché caratterizzato da un utile operativo storicamente debole. Se l’apprezzamento dello yen nei confronti del dollaro statunitense continua a pesare sull’attività, sono altri due i fattori all’origine di questa controperformance. Il primo è la crescita dei costi di produzione con, in primo luogo, quello dell’acciaio. Il secondo è da trovarsi nella maggior vendita di motori di bassa gamma. Questo tipo di motori è sempre più utilizzato in prodotti soggetti a forte diminuzione del prezzo, come i lettori DVD, le stampanti o le macchine fotografiche digitali. Questi due fattori dovrebbero, purtroppo, persistere nel breve periodo, tanto che la dirigenza non prevede un miglioramento dei risultati per l’anno in corso.

Malgrado le notizie deludenti, siamo convinti che la società sia in grado di ritrovare la retta via, nel lungo periodo. In effetti, Mabuchi, rimane una delle migliori società, se non la migliore nel suo ramo. Infatti, ha confermato lo scorso anno il suo ruolo di leader, con una quota del 50% del mercato, e in un periodo poco redditizio come l’attuale la società presenta un invidiabile livello di redditività, che la distingue dai suoi concorrenti.

Le prospettive di breve periodo ci spingono a rivedere al ribasso le nostre previsioni sugli utili e, di conseguenza, abbassiamo il nostro obiettivo di prezzo da 13000 a 10000 yen. Al prezzo attuale un investimento in Mabuchi presenta, secondo noi, un interessante rapporto rischio/rendimento. ACQUISTATE.

 

ANDAMENTO DI MABUCHI IN YEN

 

 

 

 

condividi questo articolo