Analisi
Arcelor 12 anni fa - lunedì 4 aprile 2005

SETTORE: siderurgia
BORSA:    Bruxelles
PREZZO:  17,50 EURO
RISCHIO:  **

 

Arcelor (CELR.BR) ridurrà del 3% rispetto al 2004 la produzione di acciaio piano al carbonio per reagire al calo della domanda, alle elevate scorte dei clienti e alla crescita delle importazioni. Oltre a rafforzare l’opinione che il ciclo dell’acciaio stia per iniziare una fase discendente, questi elementi ci portano a prevedere a medio termine altri annunci del genere. Anche se il calo della produzione, riequilibrando il rapporto tra domanda e offerta, contribuirà a sostenere i prezzi, i conti 2005 ne soffriranno (stimiamo un utile per azione di 4 euro). Ciò nonostante, i risultati basteranno comunque a generare la liquidità necessaria al piano di crescita. Arcelor continuerà così a ottimizzare la produzione (concentrazione della produzione di acciaio piatto al carbonio in impianti vicino al mare), a puntare sull’espansione internazionale (soprattutto Turchia, Cina, Brasile e Ucraina) e a ricercare mercati economicamente dinamici (o destinati a diventarlo) dai bassi costi di produzione.

La strategia si piega alle esigenze del settore (produrre a costi sempre più bassi). Ma l’azione, nonostante il recente calo, resta correttamente valutata. Non acquistare.

 

ARCELOR (in euro)


Il 2005 si annuncia meno positivo per il settore dell’acciaio. Malgrado il calo, non acquistate l’azione Arcelor.

 

condividi questo articolo