Analisi
L'Espresso 13 anni fa - venerdì 22 aprile 2005

L'ESPRESSO/P>

 

SETTORE: media e tempo libero
BORSA:    Milano
PREZZO:  4,58 EURO
RISCHIO:  ****

 

L’Espresso chiude il 1° trimestre in linea con le attese, con un utile di 0,06 euro per azione (+28% sul 1° trimestre 2005) malgrado un calo del 2,4% nei ricavi. La flessione del 5,6% nei ricavi da vendite di pubblicazioni, che scontano il minor contributo degli allegati, è compensata solo in parte dai ricavi pubblicitari, cresciuti del 3,8%. Ciò nonostante il gruppo ha migliorato gli utili grazie al taglio dei costi, che porta l’utile industriale a segnare un lieve progresso rispetto al 1° trimestre 2004. Un ulteriore contributo viene dalla gestione finanziaria, con la riduzione dei debiti e del relativo costo per interessi. Per i prossimi mesi il gruppo prevede altri progressi nella raccolta pubblicitaria, visto che i mesi di aprile e maggio confermano il graduale passaggio dal bianco e nero alle più redditizie inserzioni a colori. Sul settore, tuttavia, pesa l’incognita della crescita economica, che influenza gli investimenti delle imprese in pubblicità. Quanto alle vendite da pubblicazioni, la flessione del 1° trimestre conferma il carattere aleatorio dei ricavi da prodotti allegati, che dipendono in maniera significativa dal “successo” delle singole iniziative (anche se il management li considera una fonte di ricavi ormai consolidata).

Per far fronte all’incertezza dei ricavi, il gruppo si diversifica (perfezionato l’acquisto di Rete A). Ricerca inoltre una maggiore efficienza, ma il taglio nei costi dipende più da fattori esterni (prezzo della carta) che interni (il costo del lavoro è aumentato). Stimiamo utili 2005 e 2006 rispettivamente di 0,25 e 0,29 euro per azione. Titolo caro, non acquistare.

 

 

condividi questo articolo