Analisi
Mariella Burani 12 anni fa - lunedì 11 aprile 2005

SETTORE: beni di consumo
BORSA:    Milano
PREZZO:  9,19 EURO
RISCHIO:  ***


Il 2004 si chiude bene per Mariella Burani, con ricavi in crescita del 19,6% sul 2003 e utili industriali saliti del 22,6% grazie al miglioramento dei processi produttivi e all'integrazione delle società recentemente acquisite. Tuttavia, per il venir meno di alcune poste straordinarie, l'utile netto è di 0,44 euro per azione, in calo dagli 0,55 euro del 2003. A guidare la crescita del fatturato è il segmento pelle (Biasia, Baldinini e Braccialini) e la piena partecipazione al gruppo dei recenti acquisti Don Gil e Le Tricot Perugia, oltre che la crescita della rete distributiva. Inoltre, Mariella Burani ha consolidato la vocazione verso l'Est Europa dove fattura circa il 15% delle vendite. La società ha lanciato un segnale di ottimismo decidendo di distribuire, oltre al dividendo ordinario di 0,11 euro a maggio, un dividendo straordinario di 0,25 euro previsto per ottobre. Dopo un inizio anno all'insegna del progresso nelle vendite, il gruppo prevede di crescere ancora anche grazie a nuovi investimenti nella rete di vendita.

Il 2005 dovrebbe vedere gli utili salire a 0,57 euro per azione, anche per effetto dell'introduzione dei nuovi principi contabili. Ai prezzi attuali il titolo è però caro. Non acquistare.


 

MARIELLA BURANI / BORSA



Mariella Burani (grassetto; base 100) continua la sua espansione, ma è cara. Non acquistare.

condividi questo articolo