Analisi
Pfizer 13 anni fa - lunedì 11 aprile 2005

SETTORE: salute e farmacia
BORSA:    New York
PREZZO:  26,60 USD;20,71 EURO
RISCHIO:  ***

Per controbilanciare la concorrenza dei generici, Pfizer (PFE.N) ha annunciato un ambizioso piano di ristrutturazione (razionalizzazione e vendita di fabbriche, maggior produttività nella ricerca e sviluppo, riorganizzazione commerciale) che dovrebbe portare a economie per 4 miliardi di dollari annui fino al 2008. Dopo un 2005 di transizione, dal 2006 Pfizer conta di tornare a una crescita degli utili superiore al 10% annuo. La decisione delle autorità Usa di ritirare dalla vendita il Bextra peserà sui risultati, ma le solide finanze (che beneficeranno anche dell’apporto delle controllate estere) consentiranno di affrontare la situazione. Quanto al Celebrex, le autorità Usa continuano ad autorizzarne la vendita, pur pretendendo avvertimenti più severi sui rischi cardiaci. Le sue vendite, in calo da ottobre, non toccheranno più i 3,3 miliardi di dollari del 2004, ma continuerà a essere molto richiesto dai pazienti che hanno problemi gastrici con altri farmaci.

Il ritiro del Bextra, pur inatteso, non minaccia la solidità finanziaria. Il piano di ristrutturazione è convincente e al prezzo attuale l’azione, conveniente, tiene già conto delle sfide che il gruppo dovrà affrontare (concorrenza dei generici, cause giudiziarie). Potete acquistare per il lungo termine.


 

condividi questo articolo