Analisi
Zapf Creation 12 anni fa - martedì 5 aprile 2005

ZAPF CREATION

 

SETTORE: giocattoli
BORSA:    Francoforte
PREZZO:  10,47 euro


RISCHIO:  *****

Il 2004 è stato molto difficile per il fabbricante tedesco di bambole Zapf Creation. Le vendite sono scese per il secondo anno consecutivo (-13,7% nel 2004 dopo una diminuzione del 9,6% nel 2003) per fermarsi a 173,8 milioni di euro. Questa brusca caduta del fatturato ha pesato fortemente sulla redditività del gruppo che ha visto sciogliere i suoi utili  (0,13 euro per azione) di oltre il 90% lo scorso anno, dopo una diminuzione di oltre il 40% nel 2003. Per quest’anno la situazione non è destinata a migliorare e la direzione ha già previsto una diminuzione delle vendite del 10% nel primo trimestre 2005 rispetto al primo trimestre 2004. Questo forte degrado dei risultati negli ultimi due anni, ha spinto il consiglio di amministrazione di Zapf a prendere una serie di misura che, in ogni caso, non potevano più essere rinviate. Innanzitutto non sarà versato alcun dividendo per l’esercizio 2004. La dirigenza intende così concentrare le risorse per ristrutturare l’attività e adattarsi alle attuali condizioni del mercato. Quest’anno il programma di riduzione dei costi prevede un taglio del 27% della forza lavoro, cose dovrebbe permettere al margine operativo di Zapf di stabilizzarsi sui livelli del 2004 (4,4%), escludendo i costi di ristrutturazione, valutati in 4 milioni di euro. Entro il 2007, Zapf intende ridurre i suoi costi di 17 milioni euro rispetto al 2004, prevedendo un margine operativo del 13%, in linea con i livelli storici di redditività del gruppo.

L’assenza del dividendo 2004 ha pesato fortemente sul prezzo del titolo, anche se la misura era, secondo noi, necessaria. Il piano di ristrutturazione ci sembra pertinente e dovrebbe permettere a Zapf di migliorare progressivamente la redditività nei prossimi 2 o 3 anni. Se la forte caduta del titolo potrebbe costituire un’opportunità di acquisto, la mancanza di visibilità sulla vendite ci spinge ad essere prudenti, anche perché la direzione non farà previsioni per l’anno in corso prima della fine del secondo trimestre. MANTENETE.

 

ANDAMENTO DI ZAPF IN EURO

 

 

 

 

condividi questo articolo