Analisi
Eni 13 anni fa - venerdì 13 maggio 2005

ENI

 

SETTORE: energia e servizi
BORSA:    Milano
PREZZO:  19,72 EURO
RISCHIO:  **

 

Nel primo trimestre, malgrado la debolezza del dollaro, Eni ha realizzato un utile per azione record, in aumento del 22% (+44% senza elementi straordinari). La crescita è trascinata dal ramo esplorazione e produzione, il cui risultato industriale è salito del 55% grazie all’impennata dei prezzi petroliferi e a una produzione di idrocarburi in progresso del 4,6% (un livello compatibile con l’obiettivo di una crescita del 5% in media all’anno nel 2005-2008). Brillanti anche i risultati nella raffinazione e distribuzione e nella petrolchimica (margini in forte aumento), due attività che hanno però un peso limitato nel gruppo. Più debole la crescita nel gas e energia, che rappresenta un quarto del risultato industriale di Eni. Il forte aumento delle vendite è stato infatti compensato da una redditività sotto pressione dopo l’apertura alla concorrenza del mercato italiano. Dato che le acquisizioni non sembrano oggi una priorità per Eni, i buoni risultati, il basso indebitamento e le buone prospettive dovrebbero spingere il gruppo a essere ancora più generoso con gli azionisti (acquisti di azioni proprie) dopo l’aumento del 20% del dividendo 2004.

Nonostante i cambi al vertice, la strategia attuale dovrebbe essere mantenuta. Alziamo a 2,10 euro le stime sull’utile per azione 2005. Titolo correttamente valutato, acquistare.

 

 

condividi questo articolo