Analisi
I.Net 12 anni fa - lunedì 30 maggio 2005

I.NET

 

SETTORE: alta tecnologia
BORSA:    Milano
PREZZO:  40,35 EURO
RISCHIO:  ****

 

I risultati 2004/2005 di I.Net sono positivi. Il fatturato aumenta del 22,1% rispetto all’esercizio precedente grazie soprattutto alla crescita di servizi e consulenze (+43,3%) che ha compensato un calo nel segmento delle connessioni internet (riduzione dei prezzi per l’elevata competizione). La stabilizzazione dei costi di produzione e del personale fanno sì che il risultato industriale cresca del 36% rispetto al 2003-2004. La perdita netta, che continua a scontare i costi per la realizzazione della Web Farm di Settimo Milanese, si riduce del 19% (da 1,66 euro per azione a 1,35 euro per azione). A inizio 2005 le voci di una possibile fusione tra I.Net e Albacom sono state smentite da British Telecom, controllante di entrambe le società. Considerando però l’ampia disponibilità di risorse finanziarie, risulta difficile pensare che I.Net non prosegua sulla strada della crescita esterna.

Nonostante la congiuntura non giochi a favore del comparto tecnologico, le capacità finanziarie di I.Net dovrebbero garantire la crescita futura. Stimiamo una perdita di 0,48 euro per azione per il 2005/2006 e un utile di 0,02 euro per azione nel 2006-2007. Titolo caro, ma potete mantenere.

 

I.NET / SETTORE TECNOLOGICO

 

 

I.Net (grassetto; base 100) ha corso meno dell’indice europeo di settore. L’azione è cara ma potete mantenere.

 

condividi questo articolo