Analisi
Mabuchi Motor 12 anni fa - martedì 31 maggio 2005
Le difficoltà del fabbricante giapponese di piccoli motori elettrici Mabuchi Motor sono proseguite anche nel 1° trimestre 2005 con un fatturato in diminuzione del 10,7% (21,1 miliardi di yen) rispetto allo stesso periodo del 2004.

MABUCHI MOTOR

 

SETTORE: motori elettrici
BORSA:    Tokyo
PREZZO:  6270 yen
RISCHIO:  ***

 

Le difficoltà del fabbricante giapponese di piccoli motori elettrici Mabuchi Motor sono proseguite anche nel 1e trimestre 2005 con un fatturato in diminuzione del 10,7% (21,1 miliardi di yen) rispetto allo stesso periodo del 2004. Se la pressione sui prezzi ha continuato a pesare sull’attività, è stata soprattutto la contrazione del volumi di vendita (-6,7%) ha dare origine a questa controperformance. Infatti, Mabuchi ha venduto molti meno motori per i lettori DVD, da una parte per l’accresciuta concorrenza cinese e dall’altra a causa dell’incertezza sul formato e del ritardo nella commercializzazione dei dischi ottici di nuova generazione (HD-DVD o Blu-Ray). Dal punto di vista della redditività, la situazione non si è per nulla migliorata rispetto al trimestre precedente. La forte crescita dei prezzi della materie prime (acciaio e rame), la vendita di prodotti dal margine ridotto e la crescita dello yen nei confronti del dollaro, sono proseguite anche in questo trimestre, tanto che l’utile operativo è sceso del 58% rispetto all’anno precedente, fermandosi a 2,2 miliardi di yen. Malgrado la caduta dell’utile, il margine operativo è stato del 10,3%, un livello soddisfacente, se si tiene conto della situazione attuale. Anche se i risultati non dovrebbero conoscere una crescita significativa nel breve periodo, rimaniamo fiduciosi sulla capacita di crescita degli utili nel lungo periodo. In effetti, i piccoli motori elettrici sono indispensabili nella vita di tutti i giorni e il loro numero non cessa di crescere in alcuni campi. Li troviamo, per esempio, sempre più spesso nelle autovetture (alzacristalli elettrici, retrovisori elettrici, …). La fiducia è sempre alta se consideriamo che la domanda cinse di autovetture e altri beni di consumo dovrebbe rimanere sostenuta negli anni a venire. Considerata la sua situazione geografica – la società ha localizzato l’80% della sua capacità produttiva in Cina – e l’affidabilità dei suoi prodotti, secondo noi Mabuchi è ben posizionata per approfittare della crescita di questa domanda.

Nonostante le difficoltà della sua attività nel 1e trimestre, secondo noi Mabuchi dispone di importanti assi nella manica, per trarre profitto dalla crescita della domanda di motori elettrici. Potete approfittare dell‘attuale debolezza del prezzo per ACQUISTARE.

 

ANDAMENTO DI MABUCHI IN YEN

 

 

 

 

condividi questo articolo