Analisi
Datamat 12 anni fa - lunedì 20 giugno 2005
La consistente liquidità (superiore ai debiti finanziari) potrebbe essere utilizzata per nuove acquisizioni.

DATAMAT

SETTORE: alta tecnologia
BORSA:    Milano
PREZZO:  9,64 EURO
RISCHIO:  ***

Il piano strategico di Datamat, che si basa su una sempre maggiore specializzazione dell’offerta di servizi informatici nei settori di difesa, telecomunicazioni e finanza, mostra i suoi frutti anche nel primo trimestre 2005. Il fatturato si riduce dell’1,7% sullo stesso periodo 2004, ma non tenendo conto dell’apporto dell’ex-controllata Essellesse (ceduta a settembre) le vendite, nonostante un mercato ancora difficile, sono in crescita del 3%. La riduzione del personale ha avuto un impatto positivo sui costi: il margine industriale risulta quindi allineato con quello del 1° trimestre 2004, il che lascia ben sperare per un aumento a fine 2005 rispetto al 2004. Il risultato ante imposte del trimestre è circa il quadruplo di quello dello stesso periodo 2004 (da 0,018 a 0,07 euro per azione), ma il valore è fortemente influenzato da componenti straordinarie; la società ha comunque terminato di spesare i costi della quotazione in Borsa, e questo avrà un impatto positivo sull’utile 2005. La consistente liquidità (superiore ai debiti finanziari) potrebbe essere utilizzata per nuove acquisizioni.

Confermiamo le stime di utile per azione: 0,62 euro nel 2004 e 0,67 euro nel 2005. Le buone potenzialità sono però già riflesse dal prezzo. Titolo caro, non acquistare.

condividi questo articolo