Analisi
In breve 12 anni fa - mercoledì 17 agosto 2005
Ecco le ultime novità su alcuni titoli esteri della nostra selezione.

(variazioni dei titoli tra la chiusura del 5/8 a quella del 12/08)

· I buoni risultati di Aegon (+3,9%, 11,98 euro) nel primo trimestre sono stati confermati anche al secondo: l'utile per azione è cresciuto del 14,5% grazie alle plusvalenze realizzate sul suo portafoglio di investimenti e alla forza del settore assicurativo vita. L'azione è a buon mercato: potete acquistare.

· Piccola delusione da parte di Bayer (-1%, 29,62 euro) nel secondo trimestre, malgrado la netta crescita del fatturato (+11,2% su base comparabile) e dell'utile "industriale" (+38,5% su base comparabile): la divisione agrochimica che pesa per un quarto del fatturato resta in difficoltà. Potete al massimo mantenere, ma non acquistare questa azione correttamente valutata.

· Cisco Systems (-7,8%, 17,8 dollari) ha pubblicato un utile annuo in rialzo del 21% a 0,88 dollari per azione, sostenuto da un rialzo del 12% delle vendite. Tuttavia le previsioni del management per il prossimo esercizio fiscale sono state deludenti. Titolo caro. Vendere.

· Commerzbank (+5,8%, 20,83 euro), in fase di ristrutturazione e ben posizionata sul mercato tedesco, è di nuovo oggetto di voci di rastrellamenti. Ma il titolo, prossimo essere caro, secondo noi tiene già conto di questa possibilità. Mantenete, ma non acquistate.

·  I risultati del terzo trimestre dell'esercizio 2004-05 di Diney (+3,1 %; 26,26 dollari) sono superiori alle nostre previsioni. Le vendite di Dvd sono in calo, ma le altre divisioni del gruppo registrano miglioramenti. Abbiamo aumentato le nostre stime di utile sia per l'esercizio in corso, sia per il prossimo. Mantenete quest'azione correttamente valutata.

· Kpn (+3,8%, 7,35 euro) ha annunciato un utile per azione in calo del 38% a 0,1 euro nel secondo trimestre, leggermente superiore alle attese. Il management ha tuttavia rivisto al rialzo le sue previsioni di redditività per il corso dell'anno, così come il suo dividendo intermedio da 5 a 13 centesimi. Il titolo è correttamente valutato e lo potete mantenere.

· Numico (+4,9%, 35,71 euro) segna un buon secondo trimestre: il fatturato è in crescita di circa il 13% e l'utile per azione sale del 19%, nonostante la crescita dei costi delle materie prime. La società ha confermato che presto tornerà a distribuire dividendi pieni, fatto che marca l'uscita del gruppo dalle difficoltà incontrate con la sfortunata incursione negli Usa di qualche anno fa. Il prezzo di mercato tiene già conto di queste novità. Titolo caro. Vendetelo.

condividi questo articolo