Analisi
Enel 12 anni fa - lunedì 19 settembre 2005
Annunciata la politica dei dividendi per i prossimi tre anni.

Prezzo al momento dell'analisi (16/9/05):  7,29 EURO

In occasione della presentazione dei dati semestrali, Enel ha annunciato la politica di dividendi e il piano strategico del gruppo fino al 2009. La società ha perfezionato in agosto la cessione di Wind potendo contare su una riduzione del debito di circa 10 miliardi di euro, a cui si aggiungeranno i proventi della cessione del 30% di Terna. Quest’ultima operazione, conclusa proprio in questi giorni, consentirà il pagamento di un dividendo straordinario di 19 centesimi di euro già a novembre. L’intenzione della società è di mantenere un dividendo almeno pari a 0,42 euro per azione da qui al 2007, contro i 36 centesimi sino a oggi garantiti con l’effetto di portare l’ammontare complessivo del dividendo 2005 almeno a 0,61 euro per azione (ai prezzi attuali un rendimento superiore all’8%). I dividendi futuri dovrebbero essere “coperti” dagli utili; la liquidità derivante da Wind potrà quindi essere impiegata per sostenere la crescita attraverso acquisizioni in Italia (settore gas) e all’estero. Grazie alle acquisizioni in Slovacchia, Romania e Bulgaria, Enel ha già recuperato la potenza di generazione a cui aveva dovuto rinunciare per legge in Italia e si avvia a presentare una seconda offerta in Polonia con cui potrebbe chiudere l’ampliamento nell’Est Europa. Nel frattempo i dati semestrali sono in crescita rispetto allo stesso periodo 2004: il fatturato sale del 12,6%, l’utile netto del 4,2%.

Stimiamo utili per azione di 0,62 euro nel 2005 (0,47 nel 2006). Titolo conveniente, e la politica di dividendi è generosa: acquistare.

condividi questo articolo