Analisi
Scottish Power 12 anni fa - lunedì 5 settembre 2005
In un contesto di liberalizzazione dei mercati dell’elettricità e gas in Europa, i recenti cambiamenti nel gruppo rendono Scottish Power una preda interessante.

Prezzo al momento dell'acquisto (2/9/05): 525 pence; 7,70 euro

In un contesto di liberalizzazione dei mercati dell’elettricità e gas in Europa, i recenti cambiamenti nel gruppo rendono Scottish Power (SP; SPW.L) una preda interessante. A maggio SP ha infatti annunciato la cessione, effettiva secondo il management tra maggio e novembre 2006, della controllata americana Pacificorp (in difficoltà). La vendita di questa società, che rappresentava il 45% del suo risultato industriale, ridefinisce completamente il profilo di SP, che si rifocalizza sul Regno Unito, riduce fortemente le dimensioni e migliora nettamente la redditività. Una parte importante della liquidità incassata con quest’operazione verrà distribuita agli azionisti. Intanto nel 1° trimestre 2005/06 (chiusura dell’esercizio il 31 marzo) l’utile per azione (senza Pacificorp) è aumentato del 31% grazie al maggior numero di clienti e al rincaro dell’elettricità. Da notare infine che la maggioranza delle sue attività (distribuzione di energia) assicura a SP dei ricavi regolari, che gli consentono di distribuire un dividendo generoso.

Il nuovo profilo di SP la rende più interessante per eventuali acquirenti, tanto più che l’azione è conveniente. Acquistare.

condividi questo articolo