Analisi
ARM Holdings 12 anni fa - mercoledì 8 febbraio 2006
Chiude bene il 2005

Chiude bene il 2005

Prezzo al momento dell'analisi (07/02/2006): 138,25 pence

Dopo un eccellente quarto trimestre 2005, stimiamo per Arm Holdings un utile per azione di 3,82 pence nel 2006, in crescita del 30% rispetto al 2005. Al prezzo attuale, tuttavia, l’azione è troppo cara.
> Vendere

Arm Holdings (ARM.L), la società britannica che progetta microprocessori soprattutto per la telefonia mobile, ha chiuso bene il 2005. Nel quarto trimestre il suo fatturato è infatti cresciuto dell’11% rispetto al trimestre precedente, raggiungendo i 62,9 milioni di sterline, mentre l’utile per azione sale del 33% a 0,91 pence. Questi risultati, superiori alle attese, non sono dovuti solo alla ripresa ciclica del settore dei semiconduttori, ma sono anche il frutto di una strategia tesa a investire costantemente nella ricerca e sviluppo. Non per nulla la tecnologia di ARM è presente in oltre l’80% dei cellulari venduti a livello globale. Con tutta probabilità, la società continuerà a beneficiare anche nei prossimi anni della sua leadership su questo mercato, che resta promettente. Secondo le previsioni di un importante ufficio studi, le vendite di telefonini dovrebbero infatti raggiungere quest’anno i 930 milioni di unità, mettendo a segno una crescita del 15% rispetto al 2005. E le prospettive di ARM sono ancora più incoraggianti, dato che la società applica la sua formula di successo non solo ai cellulari, anche ad altri prodotti come i lettori MP3, le consolle per video giochi o gli apparecchi fotografici digitali.

condividi questo articolo