Analisi
Ciba Specialty 12 anni fa - lunedì 6 febbraio 2006
La ristrutturazione dovrà continuare

La ristrutturazione dovrà continuare

Prezzo al momento dell'analisi (03/02/2006): 79,50 CHF

Dopo un 2005 critico, anche il 2006 non promette bene per Ciba. La ristrutturazione dovrebbe però consentire un miglioramento delle prospettive a lungo termine e l’azione è conveniente.
> Acquistare

Nel 2005 il rincaro dell’energia e delle materie prime, nettamente superiore a quello dei prezzi di vendita, ha messo sotto pressione la redditività di Ciba (CIBN.VX) soprattutto nella divisione trattamento di superfici. Nella chimica per i tessuti, per la quale è stata contabilizzata una svalutazione di 8,17 franchi svizzeri per azione, la redditività è invece rimasta stabile, anche se debole. Si conferma inoltre il calo della liquidità generata, necessaria per rimborsare il debito. Ciba chiude il 2005 con una perdita di 3,92 franchi per azione; senza le svalutazioni e gli oneri di ristrutturazione il risultato è però in utile (5,57 franchi per azione). Il gruppo si aspetta che la congiuntura resti difficile anche nel 2006, e conta di ridurre ulteriormente il valore della chimica per i tessuti, in attesa di deciderne le sorti nel 2° semestre. Secondo il gruppo il rincaro delle materie prime dovrebbe però limitarsi nel 2006 al 2% e un aumento dei prezzi di vendita dell’1% dovrebbe bastare a compensarlo. Abbassiamo a 3,96 franchi per azione le stime sull’utile netto 2006 (6,24 nel 2007, anno in cui Ciba comincerà a beneficiare dei risparmi legati al piano di ristrutturazione da noi stimati in 1,97 franchi per azione).

condividi questo articolo