Analisi
Perchè Londra ha detto stop? 12 anni fa - lunedì 27 febbraio 2006
Se lo chiedevano tutti dopo che 2 settimane fa la Banca centrale inglese aveva deciso per il sesto mese di fila di tenere i tassi al 4,5% e la risposta finalmente è arrivata.


Come a gennaio la decisione di mantenere inalterati i tassi è stata presa con una maggioranza schiacciante di 8 voti contro 1. La Banca d'Inghilterra, infatti, pur in mezzo a segnali contrastanti, sostiene che la crescita economica sia vicina alla media storica e si aspetta, quindi, un rafforzamento del Pil nel primo trimestre del 2006, rafforzamento che allontanerebbe, quindi, il bisogno di un nuovo taglio dei tassi, dopo quello operato ad agosto. I consumi appaiono, infatti, più solidi di quanto osservato a novembre. La conseguenza della diffusione di questi verbali è che gli operatori ammettono ancora la possibilità di un taglio dei tassi inglesi da qui all'estate, tuttavia questa evenienza non è più data per scontata, ma come una possibilità residuale, da attuarsi solo in caso di forti segnali negativi. Tutto ciò ben figura tra i numerosi spunti di ottimismo provenienti dagli Usa, dalla zona euro e dal Giappone.

condividi questo articolo