Analisi
UCB 11 anni fa - lunedì 20 marzo 2006
Prospettive modeste

Prospettive modeste

Prezzo al momento dell'analisi (17/03/06): 39,95 euro

Visti i commenti molto prudenti del management, abbassiamo le nostre stime sull’utile per azione 2006 da 2,14 euro a 2,02 euro, ma restiamo comunque più ottimisti di UCB. Al prezzo attuale l’azione è cara.
>Vendere

I risultati pubblicati da UCB (UCBBt.BR) per il 2005 sono nel complesso conformi alle attese, con un utile per azione (senza i guadagni sulla vendita di Surface Specialties a marzo e senza il suo contributo agli utili in gennaio e febbraio, pari in totale a 3,32 euro per azione) di 1,85 euro, contro 1,92 euro da noi stimato. Il fatturato è cresciuto del 10% a struttura costante, grazie anche al successo dell’anti-epilettico Keppra (+34% le vendite), mentre il risultato industriale è aumentato del 19%. Nonostante il forte aumento dei fondi dedicati alla ricerca e sviluppo i costi sono infatti aumentati meno dei ricavi, grazie alle sinergie superiori alle attese legate all’integrazione di Celltech. Per il 2006 UCB è molto prudente, anche se si attende un nuovo progresso delle vendite del Keppra e può contare su nuovi prodotti in Europa. Temendo che i suoi conti soffrano dei costi per lo sviluppo e il lancio, previsto nel 2007, del Cimzia (contro il morbo di Crohn e forse in seguito contro l’artrite reumatoide) e per il calo delle royalties (perdita del brevetto su una tecnologia di produzione degli anticorpi) stima un utile corrente per azione stabile a 1,85 euro nel 2006.

condividi questo articolo