Analisi
Vodafone Group 12 anni fa - lunedì 6 marzo 2006
Un pessimismo eccessivo

Un pessimismo eccessivo

Prezzo al momento dell'analisi (3/3/06): 121,50 pence

A nostro avviso la Borsa è troppo pessimista sulle prospettive del gruppo. Manteniamo le nostre stime sull’utile per azione, già prudenti, a 10,20 pence sia per il 2005/06 sia per il 2006/07. L’azione è conveniente.
>Acquistare

Vodafone Group (VOD.L) stima ormai una crescita del fatturato compresa tra il 5 e il 6,5% (e non più tra il 6% e il 9%) e contabilizzerà nell’esercizio in corso (che si chiude il 31 marzo) un accantonamento compreso tra 23 e 28 miliardi di sterline per il deprezzamento di attività. Non è però il caso di allarmarsi: la riduzione delle stime sulle vendite – in seguito soprattutto all’arrivo a maturità dei suoi principali mercati europei e a una regolamentazione più rigida – resta infatti limitata. A medio termine, inoltre, pur non trascurando i rischi legati allo sviluppo di nuove tecnologie, l’Umts potrebbe avere più successo. Del resto negli ultimi tre mesi 2005 il numero degli abbonati 3G di Vodafone è già cresciuto del 62% rispetto ai tre mesi precedenti, rappresentando ormai il 4,5% dei clienti. Quanto alla svalutazione di attività, pur evidenziando maggiore cautela sulle prospettive, dipende soprattutto da un effetto contabile che non mette in dubbio la solidità finanziaria del gruppo: ne è una prova il fatto che intende continuare la generosa politica di dividendi (almeno 7,5 pence anche in seguito all’eventuale vendita delle attività in Giappone) e di acquisti di azioni proprie.

condividi questo articolo