Analisi
ABN Amro 11 anni fa - venerdì 28 aprile 2006
Ulteriori interventi sui costi

Ulteriori interventi sui costi

Prezzo al momento dell'analisi (27/04/06): 24,05 EUR

Il risultato trimestrale è stato un po’ deludente, a causa soprattutto dei costi elevati. Pur riducendo le stime sull’utile per azione 2006, restiamo però fiduciosi per il 2007. L’azione è conveniente.
>Acquistare

Senza dubbio Antonveneta ha contribuito alla crescita dell’utile di ABN Amro (AAH.AS) nel primo trimestre (+12,1% rispetto al 2005). Considerando però l’aumento di capitale per finanziare questa acquisizione, l’utile per azione scende dell’1,9%. Sono stati aumentati gli accantonamenti per i crediti a rischio in America latina e sono diminuiti (in volume) i crediti immobiliari negli Usa, ma, soprattutto, i costi del gruppo (pur escludendo quelli per integrare Antonveneta) restano troppo elevati rispetto alla media del settore. Per accelerarne la riduzione è stato annunciato un nuovo piano, che prevede il taglio di altri 1500 posti di lavoro per economizzare 0,08 euro annui per azione da qui al 2008. Misure che, aggiungendosi a quelle in corso, dovrebbero far risparmiare in totale 0,49 euro per azione all’anno dal 2008. Ancora una volta si privilegerà l’esternalizzazione e la delocalizzazione delle attività (ad esempio in India). Per il 2006 riduciamo da 2,74 a 2,53 euro (oneri di ristrutturazione inclusi) le stime sull’utile per azione, che dovrebbe salire a 2,94 euro nel 2007. ABN, infine, ripagherà gli azionisti con dividendi generosi e acquisti di azioni proprie.

condividi questo articolo