Analisi
I dati positivi fanno paura 11 anni fa - venerdì 28 aprile 2006
Anche se può apparire strano, i mercati azionari hanno risentito negativamente dei dati congiunturali migliori delle attese.

Anche se può apparire strano, i mercati azionari hanno risentito negativamente dei dati congiunturali migliori delle attese.

Settimana negativa per i mercati azionari, con cali più lievi negli Usa (l’indice S&P 500 segna -0,12%) e un po’ più marcati in Europa (-0,87%). Piazza Affari fa peggio della media e chiude a -0,95%, ma gli investitori di casa nostra si sono potuti consolare con il buon debutto di Eems (+16% il primo giorno di quotazione). Il ribasso del prezzo del petrolio e delle materie prime (che ha portato il settore energetico a perdere il 2,24% e il settore minerario a perdere lo 0,14%) non è bastato a rassicurare i mercati. D’altronde, i recuperi di efficienza produttiva e la crescita di mercati come quelli indiano e cinese hanno finora contribuito ad attenuare gli effetti del caro-petrolio sui conti delle società, come dimostrano i positivi risultati trimestrali pubblicati in questi giorni (vedi alle pagine seguenti). Anche i dati economici non sembrano risentire dei timori sul petrolio, ma questo elemento, paradossalmente, ha disorientato i mercati fomentandone il nervosismo. Questi dati hanno infatti riportato in auge l’ipotesi di rialzo dei tassi che la scorsa settimana sembrava essersi allontanata. Grazie ai dati societari, comunque, alcuni settori riescono a rimanere a galla portando casa un bilancio positivo: è il caso, ad esempio, del settore auto (+0,81%) e di quello farmaceutico (+0,64%), mentre il comparto bancario europeo (+1,21%) è sostenuto non tanto dai conti (la maggior parte dei gruppi non li ha ancora pubblicati) ma dal rifiorire delle aspettative di aggregazioni nel settore.

N.B. A causa delle festività nazionali, la produzione di Soldi Sette è stata anticipata a venerdì 28 aprile. Le variazioni percentuali (e i prezzi alle pagine seguenti) si riferiscono quindi alla chiusura di giovedì 27.

condividi questo articolo