Analisi
Una pioggia di dati trimestrali 11 anni fa - lunedì 15 maggio 2006
Alla luce dei numerosi dati pubblicati negli ultimi giorni, concentriamo la nostra attenzione su Piazza Affari facendo il punto sulla nostra selezione.

Alla luce dei numerosi dati pubblicati negli ultimi giorni, concentriamo la nostra attenzione su Piazza Affari facendo il punto sulla nostra selezione.

Questa settimana, 46 delle 70 società italiane da noi seguite hanno pubblicato i risultati del 1° trimestre: un campione significativo che rappresenta, in termini di valore di Borsa, oltre l’80% della nostra selezione italiana e più dei due terzi di Piazza Affari . Pur con casi diversi da società a società, nel complesso il quadro è positivo: in media le stime 2006 sono state rialzate. Per queste 46 azioni stimavamo un “monte utili” di 36,3 miliardi (35,7 nel 2005), mentre ora lo stimiamo a 38 miliardi. Stesso discorso per il patrimonio contabile: da 237 miliardi di euro (224 nel 2005) la nostra stima 2006 passa a 241,6 miliardi. Molto meno marcato l’impatto sui dividendi: da 22,5 miliardi di euro (in calo dai 23,1 miliardi del 2005, che però beneficiava di dividendi straordinari) abbiamo “ritoccato” le stime a 22,7 miliardi. Non mancano le eccezioni negative (come Mediaset, Mondadori e Rcs che portano il settore media italiano a perdere il 2,86% contro il -1,33% del corrispondente indice mondiale); ci sono poi alcune società tuttora “in revisione” sulle quali vi terremo aggiornati con le schede tecniche del nostro sito. E la Borsa come ha reagito? Le sorprese positive sono state tutto sommato di modesta entità, di conseguenza i prezzi di Borsa hanno seguito l’andamento generale: il valore del campione di titoli è sceso dell’1,5%, lo stesso risultato dell’indice Mibtel. Non stupisce quindi che, malgrado il ritocco al rialzo delle stime, la valutazione dei titoli non si sia scostata molto dai livelli precedenti: il rapporto prezzo/utile 2006, ad esempio, è passato da 14,3 a 13,5, mentre il rapporto prezzo/patrimonio contabile è sceso solo da 2,2 a 2,1.

condividi questo articolo