Analisi
ICI 11 anni fa - mercoledì 14 giugno 2006
Nuova ristrutturazione

Nuova ristrutturazione

Prezzo al momento dell'analisi (13/06/06): 339,50 pence

La struttura finanziaria resta fragile e una nuova ristrutturazione è necessaria. A nostro avviso tuttavia il titolo, correttamente valutato, tiene già conto dei benefici attesi dalla ristrutturazione.
>Mantenere

Penalizzata da una cattiva politica di investimenti nella chimica delle specialità alla fine degli anni ’90, nel 2003 ICI (ICI.L) ha lanciato un piano di ristrutturazione i cui obiettivi (economie per circa 12 pence per azione ante imposte e riduzione del debito) verranno centrati come atteso nel 2007. Forte di questo successo, ma con delle finanze ancora fragili, il gruppo intende andare oltre. Venderà una delle sue 4 controllate (Uniqema; 11% del fatturato) e inizierà un nuovo piano di razionalizzazione, che gli costerà in tutto 340 milioni di sterline (concentrati soprattutto nei primi 3 anni), ma che gli dovrebbe consentire di economizzare 170 milioni di sterline l’anno (circa 14 pence per azione) a partire dal 2011. Il personale verrà ridotto di circa il 7%, la struttura del gruppo verrà integrata maggiormente in modo da ridurre le spese generali e si prenderanno misure per migliorare l’efficienza dei siti produttivi e commerciali. Oltre a migliorare la redditività, questo piano dovrebbe consentire a ICI di diventare un gruppo più omogeneo e con una maggiore visibilità. Il gruppo dovrà tuttavia continuare a fare i conti con il pesante deficit del piano pensionistico (stimato in 1,5 miliardi di sterline).

condividi questo articolo