Analisi
Agfa-Gevaert 12 anni fa - giovedì 6 luglio 2006
Nuova ristrutturazione

Nuova ristrutturazione

Prezzo al momento dell'analisi (05/07/2006): 19,08 euro

Il calo del prezzo dell’argento – importante materia prima per il gruppo – e la nuova e aggressiva ristrutturazione danno un po’ di sollievo al titolo che, al prezzo attuale, resta correttamente valutato.
> Mantenere

Il prezzo dell’argento è sceso di oltre il 30% dai massimi di metà maggio. Tuttavia, visto che Agfa-Gevaert (AGFAt.BR) in genere lo acquista due settimane prima di utilizzarlo, il calo avrà un impatto limitato sui risultati del secondo trimestre. Se il prezzo si fosse stabilizzato ai livelli massimi, quest’anno l’argento sarebbe costato al gruppo 125 milioni di euro in più rispetto al 2005, una cifra che corrisponde al 50% del suo utile industriale 2005 (senza oneri di ristrutturazione). Se, invece, si stabilizza al livello attuale, il sovraccosto si riduce alla metà e, visto che i rincari sono già stati trasferiti sui prezzi di vendita, la situazione potrebbe diventare persino favorevole per Agfa. Intanto il gruppo è ancora in piena ristrutturazione per negoziare il passaggio al digitale (l’analogico rappresenta ancora il 30% del fatturato) e ha deciso delle misure più drastiche (tagli al personale per almeno il 7% e riorganizzazione del gruppo in tre divisioni). Finora, senza considerare i costi aggiuntivi per la ristrutturazione che potrebbero anche far sprofondare in rosso il risultato, stimiamo per il 2006 un utile per azione di 0,78 euro. Una cifra che potrebbe secondo noi raddoppiare da qui al 2008.

condividi questo articolo