Analisi
It Holding 11 anni fa - lunedì 17 luglio 2006
S&P conferma il rating

S&P conferma il rating

Prezzo al momento dell'analisi (14/07/06): 1,50 EUR

Sotto osservazione da parte di S&P da quando aveva perso le licenze per D&G, It Holding incassa un giudizio positivo. Il titolo, però, sebbene la società abbia chiuso il primo trimestre in utile, resta molto caro.
>Vendere

Standard & Poor (ente che valuta l'affidabilità del debito di società e Stati sovrani) ha deciso di non tenere più sotto osservazione (situazione simile al purgatorio) It Holding (il cui rating, il giudizio di affidabilità, è oggi pari a B+, giudizio che noi traduciamo come rischioso). Standard & Poor vede, infatti, maggiore stabilità nel futuro della società la cui liquidità è migliorata grazie ad accordi con i creditori e, anzi, si è detta disponibile ad alzarne il rating qualora rilevasse un ulteriore miglioramento della sua capacità di fare cassa. It Holding, in effetti, ha chiuso il primo trimestre con un utile di 0,02 euro per azione contro la perdita di 0,01 euro per azione del 1° trimestre 2005. A determinare questo risultato è stato il miglioramento dei ricavi (+8,6%) trainati dalle vendite in Italia (+14,8%), che pesa per poco meno di metà del giro d'affari, e in Estremo Oriente e Giappone (+49,4%), che però contano solo per circa un ventesimo del fatturato, a fronte di una crescita più contenuta dei costi per servizi (+2,1%) e addirittura di un calo del costo del personale (-3,4%). Stimiamo un utile per azione di 0,02 euro nel 2006 in crescita a 0,05 euro nel 2007.

condividi questo articolo