Analisi
Mabuchi Motor 11 anni fa - giovedì 31 agosto 2006
Risultati incoraggianti

Risultati incoraggianti

Prezzo al momento dell'analisi (30/08/2006): 7230 yen

La ripresa dell’attività nel primo semestre 2006 è un segnale incoraggiante e dovrebbe consentire al gruppo di tornare a generare utili. Al prezzo attuale l’azione è correttamente valutata.
> Mantenere

Contrariamente al pessimismo mostrato qualche mese fa dalla giapponese Mabuchi Motor (6592.T) – il primo produttore al mondo di motorini elettrici per prodotti di largo consumo – i suoi risultati del primo semestre sono stati incoraggianti, con un fatturato in crescita del 10%. La società ha beneficiato, da una parte, del deprezzamento dello yen rispetto al dollaro americano e, dall’altra, di una domanda più sostenuta del previsto, in particolare nel settore automobilistico (motorini elettrici per azionare i finestrini) dove ha beneficiato anche dei successi di Toyota. L’aumento della domanda, consentendo a Mabuchi di sfruttare meglio le proprie capacità produttive, ha favorito anche il miglioramento della sua redditività industriale. Il pessimismo ha così ceduto il posto all’ottimismo, tanto che il management ha alzato gli obiettivi per l’anno in corso. Mabuchi conta infatti ormai su un fatturato di 97,5 miliardi di yen contro i 93 inizialmente previsti. Anche se i costi di produzione non dovrebbero scendere (prezzi elevati dell’acciaio e del rame), la redditività dovrebbe continuare a crescere. Alziamo quindi le stime sul suo utile per azione 2006 da 159 a 215 yen.

condividi questo articolo