Analisi
Kme Group 11 anni fa - lunedì 25 settembre 2006
Semestre positivo

Semestre positivo

Prezzo al momento dell'analisi (22/09/06): 0,39 EUR

Nonostante le tensioni sul prezzo del rame, il piano di recupero di Kme va avanti bene: i risultati del primo semestre sono confortanti e ci spingono a rivedere le nostre stime al rialzo. Titolo correttamente valutato.
>Mantenere

Nonostante da maggio in poi la sua corsa sia in parte rallentata, la brusca accelerazione del prezzo del rame (+53,4% tra gennaio e giugno di quest’anno), materia prima di base per Kme Group, continua a condizionare in maniera importante la domanda dei semilavorati e, di conseguenza, i ricavi della società. Nel semestre scorso si sono tuttavia registrati importanti segnali di miglioramento soprattutto in Europa e il giro d’affari del gruppo ha così potuto crescere del 62,1% rispetto a quello registrato nei primi sei mesi del 2005. Certo i costi della materia prima sono di fatto raddoppiati (+93,6% rispetto al primo semestre 2006), ma il piano di contenimento dei costi del personale e degli altri costi produttivi ha permesso all’utile industriale di fare un balzo del 35,4%. Inoltre i conti beneficiano di un’ampia rivalutazione delle scorte di magazzino (0,19 euro per azione) proprio dovuta alla crescita del prezzo del rame. Nonostante la situazione debitoria resti pesante, riteniamo che il piano di ristrutturazione della società sia credibile e efficace. Per questo portiamo le nostre stime sull’utile per azione da 0,03 a 0,11 euro nel 2006 e da 0,05 a 0,08 euro nel 2007.

condividi questo articolo