Analisi
BT Group 11 anni fa - lunedì 13 novembre 2006
Frena l'internet rapido per famiglie

Frena l’internet rapido per famiglie

Prezzo al momento dell'analisi (10/11/06): 279,25 pence

I risultati trimestrali di BT restano di tutto rispetto, ma preoccupa un po’ il rallentamento della crescita delle connessioni internet a alta velocità. Riteniamo quindi che il prezzo attuale valuti correttamente il titolo.
†Mantenere

Nel secondo trimestre dell’anno (chiusura dell’anno fiscale il 31/3/2007) le vendite di BT Group (BT.L) hanno accelerato, segnando +4% rispetto allo stesso periodo del 2005 grazie alle nuove attività della divisione comunicazioni per grossi utenti (internet rapido, servizi informatici). La redditività è migliorata grazie al controllo dei costi legato alle acquisizioni nei servizi informatici, portando l’utile per azione a crescere del 18%; merito anche della riduzione degli oneri finanziari e dell’acquisto di azioni proprie. Nel 2° trimestre, tuttavia, la crescita delle connessioni veloci a internet per famiglie, attività strategica dove BT conta di sviluppare anche servizi di TV e telefonia mobile, è stata più fiacca del previsto per l’aumento della concorrenza. Il management cerca comunque di rassicurare gli investitori, ribadendo che la sua quota di mercato resta stabile e che i suoi clienti spendono più della media in servizi di alta gamma (più redditizi). È stato, infine, portato a 5,1 pence (+19%) l’acconto sul dividendo. L’atteso rafforzamento della concorrenza (costruzione reti per internet a alta velocità) ci induce però ad essere cauti sulle prospettive future del gruppo.

condividi questo articolo