Analisi
Pfizer 11 anni fa - lunedì 11 dicembre 2006
Bloccato lo sviluppo del Torcetrapib

Bloccato lo sviluppo del Torcetrapib

Prezzo al momento dell'analisi (8/12/06): 25,17 USD

Anche se in seguito allo stop dello sviluppo del Torcetrapib abbiamo abbassato le stime di utili a medio e lungo termine, il recente crollo del titolo, peraltro secondo noi già conveniente, ci sembra eccessivo.
>Acquistare

L’arresto dello sviluppo del Torcetrapib – farmaco che Pfizer (PFE.N) fino a pochi giorni riteneva rivoluzionario nel trattamento delle malattie cardiovascolari – ha sorpreso gli investitori. D’altronde, dopo che è stata dimostrato che la sua assunzione combinata a quella del Lipitor fa crescere del 60% il tasso di mortalità rispetto a quello di chi assume solo il Lipitor, non c’era altra soluzione. Un insuccesso non da poco, visto che Pfizer contava sul Torcetrapib per sostituire il Lipitor, il cui brevetto scadrà nel 2011. Senza il Torcetrapib – il cui lancio era previsto nel 2008 e le cui vendite avrebbero dovuto, secondo alcuni, superare i 10 miliardi di dollari – le prospettive di utili del gruppo sono piuttosto peggiorate. Ciò nonostante, il calo di circa 20 miliardi di dollari della sua capitalizzazione (prezzo delle azioni moltiplicato per il loro numero) ci sembra eccessivo. Pfizer può infatti contare su finanze molto solide – con oltre 13 miliardi di dollari di liquidità (e altri 10 miliardi dovrebbero essere generati nel 2007, dopo il pagamento dei debiti) – che gli permetteranno di maggiorare il dividendo in attesa di acquisire una società di biotecnologie per arricchire il portafoglio di farmaci.

condividi questo articolo