Analisi
Diageo 11 anni fa - venerdì 16 febbraio 2007
Management ottimista

Management ottimista

Prezzo al momento dell'analisi (15/02/2007): 1045 pence

Il management rialza i suoi obiettivi di utili, ma, visto che l’attività lancia segnali di rallentamento, soprattutto in Europa, preferiamo restare prudenti. Ai prezzi attuali l’azione resta correttamente valutata.
> Mantenere

Nonostante il rallentamento delle vendite nel primo semestre, Diageo (DGE.L), il leader mondiale degli alcolici, ha aumentato leggermente le stime per l’esercizio 2006/07 (che terminerà il 30 giugno). Gli eccellenti risultati nel continente americano gli hanno infatti consentito di stimare un utile industriale in crescita dell’8% e non più del 7% come precedentemente annunciato. Va però constatato che l’attività globale del gruppo sta rallentando la corsa rispetto allo scorso esercizio. In particolare, dubitiamo che il gruppo – dopo aver registrato una crescita del fatturato di appena il 4% (senza cessioni/acquisizioni) nel primo semestre, tradizionalmente il più dinamico dell’anno – possa riuscire a centrare il suo obiettivo di una crescita del 6% per tutto l’esercizio; un obiettivo di cui peraltro il management non parla più. In Europa, dove Diageo realizza ancora più del 40% del fatturato, le vendite (in volume) sono infatti in calo ed il gruppo non riesce a risollevarsi. Tenendo conto di ciò, preferiamo non lasciarci influenzare dall’ottimismo del management e manteniamo invariate a 55,81 pence le nostre stime sull’utile per azione nell’esercizio in corso.

condividi questo articolo