Analisi
Il rimbalzo 10 anni fa - lunedì 26 marzo 2007
Sostenute dalle operazioni di fusione e acquisizione, le Borse ritrovano entusiasmo e recuperano tutto il terreno perso durante la settimana precedente.

Sostenute dalle operazioni di fusione e acquisizione, le Borse ritrovano entusiasmo e recuperano tutto il terreno perso durante la settimana precedente.

Protagonista assoluto della settimana è stato il settore finanziario europeo che ha chiuso con un rialzo del 5,71%. Le ragioni sono da ricercarsi nelle operazioni di fusione e acquisizione, annunciate o dietro l’angolo, che hanno interessato in particolare i titoli bancari. Sempre in Europa, un altro dei settori in maggior fermento si è dimostrato ancora quello delle utility (+4,44%): è ormai guerra aperta tra Enel (-0,38%), Acciona (+8%) e E.On (+1,21%) per il controllo della spagnola Endesa (+0,89%), mentre sembra poter andare in porto la fusione tra Aem (+2,59%) e Asm Brescia. Hanno preso il volo anche i titoli delle compagnie aeree europee (+7,37%) sulle voci di un possibile interessamento da parte di Lufthansa (+3,38%) e British Airways (+4,54%) per la conquista della spagnola Iberia (+20,38%). Il risultato finale di tutti questi movimenti è stato di un balzo in media delle Borse europee del 5%. Il guadagno maggiore è stato registrato da Amsterdam (+6,6%), trainata al rialzo da Abn Amro (+19%), ma anche Milano (+4,9%) non ha sfigurato. Oltreoceano, la Banca centrale americana ha confermato le attese, lasciando fermi i tassi ufficiali, ma sembra aver escluso rialzi futuri; orientamento che è piaciuto: New York ha messo su il 3,5%. Bene anche i tecnologici (+3,2%) sostenuti dai risultati migliori delle attese di Oracle (+9,2%) e Adobe. L’entusiasmo per i titoli finanziari ha giovato a Toscana finanza che ha chiuso la prima settimana a Piazza Affari con un rialzo del 57% sul prezzo di quotazione: gli speculatori ne approfittino per vendere e portare a casa i guadagni.

condividi questo articolo