Analisi
BP 11 anni fa - venerdì 6 aprile 2007
Obiettivi molto prudenti

Obiettivi molto prudenti
 
Prezzo al momento dell'analisi (05/04/07): 554,5 pence

BP esce da un 2006 difficile segnato da una serie di incidenti industriali negli Usa. Il 2007 sarà un anno di transizione con l’entrata in carica di nuovi vertici. L’azione, conveniente, sottostima il potenziale del gruppo.
>Acquistare

A febbraio anche BP (BP.L) – in linea con quanto già fatto dalle altre società del settore energetico – ha nettamente abbassato i suoi obiettivi di produzione di idrocarburi a medio termine. Il gruppo si attende ormai un dato stabile quest’anno e una crescita di circa l’1,5% all’anno fino al 2012; un progresso nettamente inferiore al +4% precedentemente stimato, ma che resta comunque di tutto rispetto. Questi obiettivi, che giudichiamo molto prudenti e facili da centrare, dovrebbero rendere più agevole l’insediamento dei nuovi vertici la cui principale missione è quella di riconquistare la fiducia degli investitori. Ci aspettiamo inoltre che i recenti problemi industriali, che pesano ancora sui risultati del gruppo, vengano risolti e che questi incidenti non si ripetano più in futuro. In ogni caso BP resta uno degli attori migliori, con dei costi di produzione tra i più bassi del settore e un tasso di rinnovamento delle riserve di oltre il 100% per il tredicesimo anno consecutivo. Altro elemento positivo: l’attenzione nei confronti degli azionisti, anche tramite l’acquisto di importanti quantitativi di azioni proprie. Stimiamo un utile per azione di 54,5 pence nel 2007 e di 63 pence nel 2008.

condividi questo articolo